Un ponte tra passato e futuro.

Dal 1975, Teleliguria è una delle prime emittenti televisive nate in Italia.

[1975] Nel febbraio del 1975 nasce a Camogli, in Via XX Settembre 38, un'emittente "via cavo" denominata Teleliguria. Il Responsabile dell'emittente è Giovanni Battista Verdina. La sede è la stessa di Radio Camogli, i cui studi di produzione erano collocati a Ruta di Camogli, lungo la suggestiva Via Aurelia, la strada panoramica che porta a Rapallo.

[1976] Telerapallo (TV via cavo), si converte all'etere, irradia i suoi programmi dal Canale uhf 48, assume la denominazione di Teleliguria e apre la sua sede nell'antico castello sul mare di Rapallo "mettendo in ombra" la Teleliguria via cavo di Camogli.

[1977] Teleliguria (ex Telerapallo) viene venduta ad Alberto Monti (pellicciaio proveniente dal settore dei detersivi, già proprietario di TeleNord dal 1974), il quale trasferisce gli studi di Teleliguria dall'antico castello sul mare, al Porto Turistico Carlo Riva di Rapallo e installa un ripetitore sul Monte di Portofino, (sopra la Via Aurelia) in prossimità del Portofino Kulm Hotel. Questo ripetitore permette di raggiungere la provincia di Savona e oltre, verso Imperia.

[1978] L'emittente propone un TG condotto da Adolfo Serrati, con la direzione dei servizi sportivi curata da Igino Peccerillo e alcuni programmi condotti da Roberto Pecchinino, Gabriella Garibaldi e Antonella Carmignani. Collaborano con l'emittente anche alcuni dei fondatori della TV via cavo Telechiavari, che nel frattempo chiude i battenti.

[1979] Alberto Monti amplia l'area di copertura di Teleliguria acquistando i Canali uhf 24, 25, 51 e 57.

[1980] Teleliguria viene venduta a Salvatore Cingari, il quale, unendo il Canale uhf 30 di Telesanremo, ne potenzia il segnale per coprire l'intera Regione. La sede di Teleliguria si sposta in Piazzale San Giovanni Bosco 4, a Rapallo. Il palinsesto dei primi anni '80 propone film e videogiornali curati da Gian Carlo Begonzini, rubriche storiche tra le quali "Attualità dalla Riviera", "Flash balneari", "Di palo in frasca", "Occhio alla salute".

[1986] Con l'acquisto di Telegenova, Salvatore Cingari trascura Teleliguria, che diventa la “sorella minore” di Telegenova e viene declassata a trasmettere televendite.

[2004] Teleliguria viene presa nuovamente in considerazione. Salvatore Cingari intende rilanciare Teleliguria come emittente autonoma, e ne potenzia il segnale facendola diventare la prima televisione italiana a realizzare una completa copertura regionale con segnale digitale in onda su proprie frequenze 24 ore su 24 e in tutte le quattro province liguri. Dopo pochi mesi dall'inizio della rinascita di Teleliguria, Salvatore Cingari muore a causa di un malore improvviso all'età di 68 anni.

[2005] Gli eredi di Salvatore Cingari vendono Teleliguria insieme a Telegenova al Gruppo Profit di Raimondo Lagostena Bassi. Il Gruppo Profit riprende gli ambiziosi progetti di Salvatore Cingari, sfruttando le potenzialità di Teleliguria, che nel frattempo rappresenta l’unica emittente locale italiana con una simile capacità.

[2006] Teleliguria produce programmi su 5 canali diffusi sul DTT e su 2 canali satellitari (Telegenova1 e Telegenova2) ed è il "multiplex" regionale ligure del Gruppo Profit con un palinsesto composto prevalentemente da programmi musicali tra i quali "CasadeiTV", "Videofestival" e "Enjoy".

[2010] Teleliguria assorbe gran parte della produzione del Gruppo Profit e di Telegenova e viene dotata di un palinsesto di moderna concezione, che grazie al sodalizio artistico con Verdiano Vera (musicista, produttore discografico, editore musicale), viene dedicato alla musica, allo spettacolo, alla cultura, alla moda e ai giovani. Responsabile del palinsesto è Vittorio Da Pozzo. Fra i programmi più seguiti di Teleliguria ci sono "Lettere alla Franca" e "Liguria allo specchio" condotti da Franca Brignola, oltre ad altri programmi già presenti nel palinsesto di Telegenova prodotti sempre da Verdiano Vera come "Liguria Selection Music Show", "Dj class contest", "La Lanterna d'Oro", "Liguria Fashion" condotto da Chiara Farsaci, "Talent Scout" e "Music Box".

[2011] Avviene lo swich-off (processo di passaggio dalla televisione analogica alla televisione digitale). Il Gruppo Profit fallisce e Teleliguria viene acquisita dal gruppo "Bravo TV" che trasmette i contenuti di Teleliguria sul Canale 118 del Digitale Terrestre e ne affida la gestione a Verdiano Vera. La sede operativa di Teleliguria diventa lo Studio Maia di Genova, in Viale Ansaldo, 28/R. L'emittente viene riconosciuta anche come Teleliguria118, per via del Canale 118 sul quale è visibile. Tra i nuovi programmi prodotti da Verdiano Vera vengono introdotti "Miss Teleliguria", "Cruento", "Astrolabio" condotto da Riccardo Storti e Fabio Zuffanti, "Corto in vista" condotto da Giulia Iannello, e a partire dal 2013, tutte le trasmissioni televisive legate al FIM - Fiera Internazionale della Musica, evento con il quale Teleliguria ha un forte legame.

[2016] Il gruppo "Bravo TV" chiude e interrompe l'emissione del segnale di Teleliguria sul Digitale Terrestre. Verdiano Vera acquisisce Teleliguria e la converte a Web TV con il dominio www.teleliguria.it.

[2017] Teleliguria è la prima Web Open TV della Liguria: una TV giovane e innovativa che guarda al futuro, con il passato e l'esperienza di un'emittente storica.

maia arrangiamenti genovamaia arrangiamenti genova


teleliguria

La Troupe di Teleliguria realizza
Produzioni Video Professionali, Videoclip Musicali, Video istituzionali,
Riprese e montaggi, Video-Presentazioni per Aziende, Video-Tutorial,
Spot Pubblicitari e Documentari.

Guarda Teleliguria Tutti i Giorni 24 ore su 24 sul sito www.teleliguria.it 
Apri questo sito sul tuo PC con Google Chrome e guarda Teleliguria su qualsiasi Smart TV.

Teleliguria Maia Genova


PARTNERS TELELIGURIA

MAIA Group Genova FIM Fiera della Musica Web TV Teleliguria Studio di registrazione a Genova Maia Hive Records Klubhouse Records
Back To Top